Oltre allo sci, i panorami e le passeggiate al sole, in Valle di Fassa a Pasqua si vive la tradizione.

Arriva la primavera e, anche se c’é ancora la neve, dal terreno  già spuntano le uova colorate. Sì perché all’Active Hotel Olympic tutto é pronto per la Pasqua, per le batole e per pechenèr. Un’ottima occasione per venire a Vigo di Fassa: tempo mite e soleggiato, piste ancora perfette con le montagne innevate a fare da panorama e, soprattutto, la pasqua ladina con le sue tradizioni.

A primavera spuntano le uova

A primavera spuntano le uova

LE BATOLE

“Le batole” sono una specie di strumento musicale molto semplice: un’asse e un martello di legno.

batola schemino

Venerdì e sabato santo vengono suonate per sostituire le campane del paese, mute in attesa della resurrezione. Bisogna svegliarsi presto (tutto succede alle 6.30 del mattino) ma lo spettacolo è garantito. Quando l’alba ancora deve arrivare sono oltre 80 i volontari che battono all’unisono i loro strumenti. Li sentirete da lontano, prima ancora di vederli arrivare.

https://youtu.be/murSABMbXbM

 

 

Domenica i più piccoli potranno andare a caccia delle uova nascoste dal coniglio di Pasqua. Per qualche consiglio sui nascondigli migliori chiedete a Rosa. Non lo ammetterà mai ma ancora oggi si sveglia presto per andare a cercare il suo regalo di cioccolata.

coniglietto

 

Per i più grandi invece, domenica è l’ora della grande sfida: è tempo di PECHENÈR. E’ tutto pronto, le uova sono colorate e ognuno può scegliere il suo campione. L’uovo che dovrà dare battaglia a familiari, amici e sconosciuti nel gioco del “pechenèr”. Una sfida che va in scena in tutte le famiglie e nelle piazze della Val di Fassa, (in particolare a Penia e Campitello). Uovo sodo contro uovo sodo, vince chi rimane intero. Lo sconfitto è il premio.

L’Activ Hotel Olympic vi dà le uova. Stà a voi battere chi stà seduto di fronte o i vicini di tavolo.

Avete capito? Spiego meglio.

A turno i giocatori impugnano il proprio uovo bollito e lo cozzano contro quello dell’avversario, prima “de ponta” (con la punta) e poi “de cuf” (la parte più tondeggiante).  Perde l’uovo che viene scalfito ad entrambe le estremità. Chi vince si porta a casa lo sconfitto.

L’uovo deve essere colorato: rosso, giallo e verde o, come facevano le nonne, con i metodi naturali: usando bucce di cipolle, fondi di caffè e i germogli della primavera.

Uova di pasqua

 

Bucce di cipolla, foglie di radicchio, cicoria di prato e fondi di caffè avvolgono l’uovo. Si avvolge tutto con un canovaccio e si mette a bollire. Ecco la “ricetta” tradizionale per  per colorare le uova.

 

 

uovo colorato

 

Un po’ di olio per farle brillare ed ecco il risultato!

 

 

 

Se volete vedere come si fa guardate il video (in ladino)

https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=13R7ZsNWjlE

PECHENÈR

La sfida di pechenèr inizia in casa, durante la prima colazione. Una sorta di selezione per decidere qual’è l’uovo più resistente. Quello che merita di arrivare in piazza a sfidare il resto del paese. Vale la pena fare un salto a Campitello o al bar Penia, alla fine della val di Fassa, per vedere quanto i valligiani prendano sul serio questa battaglia.

La leggenda vuole che ai più esperti, forgiati da molte pasque, basti battere leggermente un uovo contro gli incisivi per capire se sarà un campione.

Anche sull’ impugnatura dell’uovo ci sono molte storie e diverse scuole di pensiero. L’uovo si regge con la mano a pugno,  con tutte le dita, solo con i polpastrelli ecc… Pechenèr è un’arte, con i suoi segreti che vengono tramandati di generazione in generazione. Potreste provare a chiedere al nonno Carlo se vi da qualche dritta.

Si dice che in alcune delle famiglie più tradizionali, per tenere alto il blasone del clan, le galline di casa alcuni mesi prima di pasqua seguono una dieta particolare per rendere il guscio resistente.

Come in ogni sfida anche nel pechenèr c’é chi cerca di barare. Gli aneddoti si perdono nella leggenda con uova riempite di gesso, sassi colorati, uova di legno. Cercate di fare attenzione!

GUIDA PRATICA E ALCUNI SUGGERIMENTI:

  • scegliete le uova piccole. Nel pechenèr piccolo è meglio (anche se negli anni alcune uova giganti sono diventate campionesse)
  • intimidite il vostro avversario. Le uova percepiscono la paura
  • non abbiate pietà. I legami famigliari non hanno nessun valore quando é ora di pechenèr
  • scegliete uova fresche. Prima o poi il vostro uovo si romperà, meglio che non sprigioni vapori sulfurei
  • cuocete il vostro uovo altrimenti quando si rompe il disastro sarà inevitabile
  • decidete prima quando fermarvi. Sull’onda dell’entusiasmo ebbri della propria invincibilità spesso ci si dimentica che le uova conquistate devono anche essere mangiate. (La regola vuole che le uova vinte non si possono condividere)
  • dileggiare gli avversari sconfitti non é mai elegante, però da tanta soddisfazione

BUONA PASQUA A TUTTI!!

 


Condividi


Un commento su ““PECHENÈR” e “BATOLES”…. PASQUA IN VAL DI FASSA TRA NEVE E TRADIZIONE”

  1. Scritto il 07.04.2016 alle 07:34
    Alberta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*